Acquisizione dei dati

I dati da analizzare possono presentarsi in numerosi formati. Fortunatamente per voi, JMP è affamato di dati.

È possibile leggere i dati con facilità da Microsoft Excel con la procedura guidata di importazione da Excel, da file di testo con la procedura guidata di importazione testo, oppure prelevare i dati direttamente da database compatibili con ODBC utilizzando il Costruttore di query interattivo. JMP è sempre pronto, indipendentemente dal formato dei dati.

I database permettono di catalogare enormi quantità di dati e informazioni, ma nella maggior parte dei casi sono pensati per garantire efficienza in termini di storage e transazioni, non per l'analisi. Ciò significa che i dati necessari per l'analisi sono distribuiti su più tabelle, che vanno riunite per assemblare i dati necessari. Questa operazione può essere impegnativa e richiedere di apprendere non solo i dettagli delle tabelle, bensì anche l'utilizzo di SQL o di altri strumenti analoghi.

Provate il Costruttore di query. Con questa piattaforma di JMP è sufficiente specificare la tabella principale e una o più tabelle secondarie; lo strumento abbina automaticamente le chiavi esterne nella tabella principale alle chiavi primarie nelle tabelle secondarie. Da processo laborioso, l'unione di tabelle diventa un'operazione automatica.

Grazie anche alla funzione di abbinamento automatico, questo strumento offre tutto il necessario per costruire query semplici o complesse. Ora potete fare tutto con JMP.

JMP permette inoltre di importare e campionare dati provenienti da altre fonti, tra cui:
  • SAS®.
  • Svariati tipi di file piatti (ad es. file di testo, codice R, MATLAB, file HTML, SPSS e fogli di lavoro portatili Minitab).
  • Pagine Web (tabelle HTML).

In ogni caso, l'importazione di dati su JMP è un'attività interattiva e il software reagisce alle modifiche apportate durante il processo. Un file importato in una tabella JMP viene pre-formattato in modo da essere il più possibile pronto per l'analisi, così da risparmiare tempo e lavoro.

Immaginate di poter avere la garanzia che il vostro strumento di analisi statistica possa gestire dati a partire da qualsiasi formato. JMP offre proprio questo. Infatti, i dati importati su JMP vengono memorizzati indipendentemente dalla provenienza. Le tabelle JMP sono sempre rapide, ottimizzate per l'analisi e pronte da esplorare, pur conservando il più possibile la struttura e i metadati della fonte originale.

Pulizia dei dati

Quanto tempo dedicate alla preparazione dei dati per l'analisi? In molti casi è un'incombenza che non finisce mai. Ben consapevole di questo fatto, JMP ha lavorato a lungo per rendere la preparazione dei dati più semplice, rapida e affidabile.

JMP automatizza qualsiasi processo di pulizia dei dati. Ciò che con altri software è difficile o addirittura impossibile diventa semplicissimo con JMP. E anche se non è possibile pulire i dati direttamente, JMP utilizza metodi per ridurre al minimo l'impatto di eventuali problemi con i dati sull'analisi, spesso eliminando il bisogno (e lo sforzo) di rendere i dati puliti.

Una volta che i dati sono inseriti in una tabella JMP, è possibile sfruttare i numerosi strumenti di riorganizzazione e ristrutturazione, riunire tutti i dati in un unico file ed eseguire con facilità l'unione intelligente e interattiva di tabelle. Inoltre, è possibile fare riferimento a dati contenuti in un'altra tabella senza unire le due tabelle, evitando così i problemi relativi a memoria e memorizzazione dei dati tipici dell'unione di data set di grandi dimensioni.

Prima di analizzare i dati occorre verificare che siano puliti, che i valori siano uniformi e codificati correttamente. A tale scopo, JMP offre diversi strumenti. Uno dei più efficaci è la piattaforma di Distribuzione. Quando si identifica un outlier, è sufficiente isolarlo per selezionarlo automaticamente nella tabella, grazie alla funzione di collegamento dinamico di JMP.

L'interfaccia visiva per i dati è un potente vantaggio offerto da JMP. Presto vi chiederete come facevate quando non era possibile catturare immediatamente ciò che vedevate nei dati.

Quando le categorie vengono inserite da più soggetti, è possibile che le denominazioni risultino poco uniformate. Per tabulare con previsione le categorie e utilizzarle per la previsione occorre grande uniformità. JMP offre una funzione di ricodifica che rende il consolidamento delle categorie un gioco da ragazzi. È possibile selezionare una serie di categorie e scegliere quale tra queste rendere rappresentativa del gruppo. È anche possibile dire a JMP di consolidare automaticamente le categorie che presentano elevate somiglianze. Questa funzione permette di risparmiare notevole tempo, in particolare quando il numero di inserimenti univoci raggiunge l'ordine delle centinaia o delle migliaia.

Tra gli altri strumenti per la pulizia dei dati in JMP:

  • screening per l'identificazione di outlier;
  • screening per l'identificazione di errori di inserimento, codici di errore o valori/codici di valori mancanti eventualmente trascurati nei dati;
  • creazione di colonne di formule o variabili derivate, colonne di rapporti o trasformazioni di risposte;
  • pulizia delle proprietà dei dati;
  • binning di dati continui in categorie discrete;
  • suddivisione di stringhe di testo delimitato in colonne multiple;
  • creazione di variabili di indicatori;
  • standardizzazione degli attributi su più colonne di tipo simile.

Rappresentazione grafica dei dati

I fogli di lavoro non permettono di rivelare efficacemente schemi e tendenze nelle serie di dati, eppure gli schemi permettono di scoprire informazioni rilevanti. JMP offre strumenti di visualizzazione efficaci e dinamici, che facilitano l'esplorazione statistica e promuovono l'innovazione.

JMP rende liberi di esplorare i dati in modo dinamico. Esplorate i dati dinamicamente e lasciate che il software faccia emergere le informazioni interessanti contenute nei dati. Potete infatti spostarvi rapidamente e agilmente fino a individuare la visualizzazione più adatta per comunicare ciò che i dati hanno da raccontare.

Il Costruttore di grafici costituisce il modo migliore per iniziare l'esplorazione e la rappresentazione dinamica dei dati. Permette di costruire interattivamente visualizzazioni grafiche semplici o complesse, con un normale sistema a trascinamento e rilascio. È sufficiente trascinare le variabili nella posizione desiderata, selezionare l'elemento grafico da una tavolozza di icone e personalizzare la visualizzazione per ottenere un risultato finale di qualità impeccabile. Il Costruttore di grafici offre sempre opzioni adatte alla situazione.

Il Costruttore di grafici è solo uno dei numerosi strumenti di visualizzazione dinamici e potenti di JMP che rendono l'esplorazione grafica statistica più facile e conveniente.

Inoltre, a tutti i grafici JMP è possibile aggiungere mappe di sfondo utilizzando immagini geografiche integrate di alta qualità o inserire dati dettagliati di mappe con indicazione di città, strade e corsi d'acqua. Con lo strumento Grafico a bolle potrete creare filmati animati dei dati che mostrano le evoluzioni delle diverse dimensioni nel tempo.

A volte, la combinazione di diversi grafici può risultare più efficace di un singolo grafico. È in casi come questi che i dashboard consentono di comunicare la storia dei propri dati. Grazie ai modelli incorporati, è possibile sviluppare una visualizzazione convincente pronta per la presentazione oppure creare dashboard personalizzati.

I grafici di JMP costituiscono un collegamento, non una semplice rappresentazione.

Analisi di base dei dati

In molti casi l'utilizzo di strumenti di base per l'analisi visiva costituisce la soluzione migliore per comunicare i risultati e motivare le azioni all'interno di un'organizzazione. Spesso il primo passo di un'indagine su dati statistici consiste nel considerare una variabile alla volta, processo noto come analisi univariata. Con JMP, una volta identificate le colonne di interesse, la piattaforma di Distribuzione fornisce automaticamente grafici e statistiche in base al tipo di modellizzazione definito per la variabile.

È possibile ottenere rapidamente istogrammi, statistiche di riepilogo, box plot e quantili per dati continui, analisi di capacità, stima di distribuzioni e frequenze per valori nominali o ordinali.

Le funzioni principali offerte da JMP per l'analisi statistica di base comprendono:
  • Istogrammi e box plot.
  • Statistica descrittiva.
  • Test t a uno e due campioni, ANOVA, regressione, test non parametrici.
  • Stima di distribuzioni.
  • Stima di spline e curve sui dati.
  • Calcolatori e simulatori statistici; calcolo della potenza e della dimensione del campione.

Esplorazione del testo

I dati di testo non si prestano facilmente all'analisi. Possono infatti risultare rigidi, non strutturati e disordinati. Explorer del testo di JMP offre una serie di comandi altamente interattivi che consentono di eseguire l'estrazione di parole e frasi, creare riepiloghi, visualizzare e organizzare le parole in modo da scoprire le informazioni latenti disponibili nell'insieme dei dati di testo non strutturati, ad esempio testo libero all'interno di indagini o note tecniche.

L'interfaccia Espressioni regolari (RegEx) crea e memorizza espressioni personalizzate per estrarre codici prodotto, parole tra i tag HTML, numeri di telefono, indirizzi e-mail, valuta e altro.

Raggruppare, filtrare e smistare i dati in sottoinsiemi

In qualsiasi attività, più rapido è l'apprendimento e l'adattamento alle mutevoli esigenze della clientela, più efficace e immediata sarà la distinzione dalla concorrenza. Per accelerare questo ciclo di apprendimento, bisogna saper individuare pattern nei dati, concentrarsi sugli aspetti più importanti e agire rapidamente. Non c'è tempo per generare pile di report da scandagliare o, peggio ancora, per scrivere codici personalizzati e attendere i risultati prima di agire.

JMP propone un approccio diametralmente opposto alla gestione delle attività quotidiane di analisi dei dati. Il paradigma integrato di raggruppamento e filtraggio consente di riorganizzare istantaneamente i report estratti dal database in-memory. Provate a pensare con quale rapidità potrete concentrarvi sulle aree di interesse, aggiornando i report all'istante con un semplice clic tra i vari livelli di una variabile categorica. Con un solo clic, potrete inoltre spostare l'obiettivo dell'analisi su una metrica completamente nuova.

Tra gli strumenti di raggruppamento e filtraggio di JMP vi sono:
  • filtri per dati locali o globali, per concentrarsi su parti specifiche delle tabelle di dati, con o senza istruzioni condizionali. La possibilità di salvare le impostazioni preferite per i filtri permette di aumentare l'efficienza delle attività di routine;
  • indicatori di riga, colori ed etichette facili da definire per arricchire i report grafici e le tabelle di dati;
  • funzione Scambia colonne per scambiare le variabili all'interno di un report grafico o statistico. Quando sono presenti centinaia di variabili, la possibilità di esplorarle manualmente o tramite animazione permette di individuare pattern e anomalie;
  • creazione semplice di variabili By in numerose piattaforme di analisi per generare più copie della stessa analisi; analisi di più sottoinsiemi con un unico clic;
  • trasformazione immediata per la generazione di variabili derivate. È possibile rimanere nel flusso durante l'analisi dei dati e creare numerose colonne statistiche o matematiche trasformate con un semplice clic;
  • il filtro per grafici permette di utilizzare un grafico per filtrarne un altro.

Disegno di esperimenti

Numerose organizzazioni si avvalgono di verifiche di tipo "A-B" per il disegno sperimentale; tuttavia, il confronto tra due situazioni in presenza di numerosi fattori nel flusso costituisce un metodo molto lento per ottenere informazioni utili.

Al contrario, il disegno di esperimenti (DOE) con JMP offre un approccio collaudato e pratico per esplorare e sfruttare la molteplicità di fattori che caratterizza praticamente tutte le situazioni reali. Gli esperimenti multifattore permettono di ottenere informazioni più rapidamente, con costi minimi, e di individuare non solo l'effetto di un singolo fattore, bensì anche l'impatto combinato di due o più fattori. JMP offre funzioni all'avanguardia per il disegno di esperimenti per rispondere in maniera ottimale a domande specifiche. JMP offre inoltre una vasta gamma di analisi adatte al disegno specifico, in un formato facilmente fruibile.

Invece di adattare il vostro problema a disegni da manuale, potete adattare il disegno al problema sfruttando al meglio il budget a disposizione. L'esclusivo Piano personalizzato permette di costruire un disegno ottimale modellizzato sul problema, tenendo conto di condizioni specifiche quali tempo, budget e altri vincoli sperimentali.

Numerosi problemi analitici includono variabili difficilmente modificabili, ad esempio la temperatura di un contenitore per reazioni o l'ubicazione di un terreno. Con un disegno completamente randomizzato occorrerebbe reimpostare tali fattori dopo ogni esecuzione, creando chiaramente grossi problemi di praticità ed economicità. In situazioni simili il disegno più appropriato è uno split-plot: JMP è in grado di generare disegni split-plot I-ottimali, split-split-plot e strip-plot. JMP include il modello corretto di massima verosimiglianza limitata (REML) a effetto casuale all'interno della tabella contenente il foglio di lavoro dell'esperimento per l'esecuzione di analisi rigorose in modo intuitivo. Nessun altro pacchetto software disponibile sul mercato è in grado di offrire un simile livello di flessibilità con i disegni di tipo split-plot.

Oltre al Piano personalizzato, JMP supporta piani fattoriali completi classici (tradizionali), piani di screening (piani fattoriali frazionati), piani con blocco, piani a superficie di risposta, piani non lineari e su miscele, nonché piani avanzati, tra cui test di sopravvivenza accelerati e piani per simulazioni computerizzate, ad esempio basati su cluster e space-filling che ammettono vincoli di disuguaglianza sui fattori.

Inoltre, JMP è il primo software a implementare i piani di screening definitivi, che costituiscono la categoria più importante di nuovi piani degli ultimi 20 anni. Sono impiegati per separare in modo efficiente e affidabile i pochi fattori fondamentali – quelli cioè che hanno un effetto sostanziale - da quelli più numerosi ma più trascurabili. I piani di screening definitivo permettono di ottenere informazioni sugli effetti principali, gli effetti di curvatura e le interazioni a due variabili allo stesso costo dei piani di screening tradizionali a due livelli.

Nessuno tornerebbe mai al vecchio metodo!

Modellizzazione statistica

Attraverso un'efficace separazione dei dati in segnale e disturbo, i modelli statistici inglobano trend e pattern, permettono di apprendere preziose informazioni sulla propria attività, sulla concorrenza e sui clienti e, supportando efficacemente il processo decisionale, contribuiscono a migliorare i risultati dell'azienda.

La realizzazione di modelli utili è il risultato di un connubio tra scienza e arte; JMP include infatti una vasta gamma di piattaforme statistiche che permettono di creare modelli affidabili a partire dai vostri dati. JMP fornisce gli strumenti necessari per individuare interazioni tra le variabili di un processo, permettendovi non soltanto di effettuare previsioni, ma anche di identificare le impostazioni per quei fattori che producono prestazioni ottimali. L'applicazione mette a disposizione svariati strumenti per la stima di modelli lineari e non lineari, consentendo di prendere decisioni basate su fatti, indipendentemente dalle relazioni evidenziate dai dati.

Centrale nel kit di strumenti di stima dei modelli di JMP è la piattaforma Stima modello. Essa permette di costruire i termini del modello e di scegliere tra diversi metodi, tra cui: stima dei minimi quadrati standard, modelli stepwise e tutti gli altri modelli possibili. È possibile costruire modelli con la semplicità del sistema a trascinamento e rilascio utilizzando la modifica interattiva del modello, ma anche costruire modelli di altro tipo, ad esempio MANOVA, misure ripetute, varianza log lineare e lineare generalizzata, regressione logistica (nominale e ordinale).

JMP inoltre stima i modelli misti con gli effetti casuali REML e include tecniche di modellizzazione multivariata avanzate: componenti principali, analisi delle corrispondenze multiple, minimi quadrati parziali (PLS), cluster, analisi degli elementi, modelli di partizione e molto altro ancora.

La piattaforma Stima Y rispetto a X è uno strumento progettato per l'elaborazione delle dipendenze esistenti tra un input e un output o una risposta. Questa piattaforma supporta la regressione lineare semplice, la regressione logistica, i metodi ANOVA, ANOM e l'analisi delle contingenze. Essa risponde alle tipologie di modellizzazione delle variabili impiegate e riunisce numerosi metodi comunemente utilizzati quando non si necessita del controllo offerto dalla funzione Stima modello.

Troppo spesso l'estrazione di conclusioni significative da dati disordinati impone l'esplorazione di una variabile o di una risposta alla volta per individuare i fattori determinanti. Senza contare le difficoltà che insorgono quando i dati a disposizione presentano valori mancanti o outlier.

JMP aiuta a costruire modelli con più colonne fornendo opzioni automatiche per il cambiamento in presenza di migliaia di Y rispetto a un'unica X. Con le moderne tecniche di adattamento della significatività quali il false discovery rate (FDR), è possibile trarre preziose conclusioni.

La piattaforma Stima curva di JMP consente la stima di numerosi modelli sulla base dei dati a disposizione. La libreria integrata del software semplifica enormemente la stima dei più diffusi modelli per i test biologici e la farmacocinetica. Definendo colonne di formule adeguate è possibile stimare praticamente qualsiasi modello non lineare.

Le funzionalità avanzate di stima dei modelli di JMP includono i modelli per reti neurali (attraverso la piattaforma Neurale) e gli alberi decisionali (con la piattaforma Partizione).

Indipendentemente dalle tecniche di modellizzazione richieste, con JMP è possibile costruire modelli utili in modo semplice e veloce.

Analisi what-if

È inutile costruire modelli se questi non permettono di stimolare il cambiamento. Con JMP è possibile comunicare i risultati del modello ed eseguire analisi what-if o analisi dello scenario visivamente per comprendere il pattern della risposta prevista e l'influenza di ciascun fattore. JMP consente l'esplorazione visiva di questa superficie di risposta grazie al Profiler, uno strumento dinamico che interagisce con qualsiasi modello. Il Profiler permette di visualizzare l'effetto di un fattore sulla risposta prevista e mostra una sezione incrociata della superficie di risposta.

Grazie a JMP, è inoltre possibile:
  • configurare funzioni di desiderabilità per le risposte e individuare le impostazioni ottimali per i fattori, in modo da massimizzare i risultati per tutte le risposte, oppure discutere interattivamente i compromessi nelle risposte, ad esempio costo e resa;
  • utilizzare tecniche di simulazione Monte Carlo per prevedere il rischio in presenza di distribuzioni incerte delle risposte. Scegliere tra 22 diverse distribuzioni casuali per variabili continue e probabilità casuali per variabili categoriche e salvare facilmente i risultati della simulazione su una tabella di dati con un unico clic;
  • riempire uno spazio di opportunità e filtrarlo successivamente per evidenziare la regione ammissibile;
  • utilizzare profiler più specializzati per visualizzare la previsione di risposta;
  • condividere l'analisi what-if anche con persone che non usano ancora JMP, tramite funzioni interattive di esportazione su HTML o Flash.

Analisi dell'affidabilità

La prevenzione dei guasti e il miglioramento delle prestazioni in garanzia sono due dei motivi più importanti che spingono all'utilizzo di tecniche comprovate per comprendere pienamente il rendimento reale dei prodotti nel tempo. JMP aiuta a rilevare i difetti di materiali o procedure, individuando le vulnerabilità della progettazione in modo da favorire la ricerca della strada migliore per correggerli.

Dovete determinare la distribuzione ottimale da utilizzare per formulare previsioni di durata in termini di affidabilità per i vostri prodotti e componenti? Con JMP potete valutare automaticamente un'ampia serie di distribuzioni di affidabilità per trovare la stima migliore. Con l'analisi Distribuzione di sopravvivenza di JMP è possibile specificare una distribuzione non parametrica e numerose distribuzioni parametriche per confrontare visivamente le stime.

JMP include un'ampia gamma di funzionalità per l'analisi dell'affidabilità:
  • Stima della distribuzione di sopravvivenza.
  • Stime della distribuzione di sopravvivenza con un fattore (ad esempio, modelli di guasto accelerato).
  • Esecuzione di analisi della ricorrenza di sistemi riparabili.
  • Modellizzazione della degradazione del prodotto; degradazione distruttiva.
  • Stima della sopravvivenza, della sopravvivenza parametrica e modelli dei rischi proporzionali.
  • Esperimenti sul piano di test di durata accelerato (ALT).
  • Analisi Crow-AMSAA per la crescita dell'affidabilità.
  • Anticipazione dei resi in garanzia tramite l'analisi dei dati storici sui guasti.
  • Analisi di sistemi simultanei per lo studio di sistemi simili.
  • Analisi di sistemi paralleli al fine di analizzare e confrontare la crescita dell'affidabilità per diversi sistemi indipendenti, per sistema e/o fase.

Tecnica di qualità e processo

Il mercato richiede miglioramenti continui: per questo le aziende sono costantemente impegnate ad accelerare i tempi di commercializzazione, proteggere il marchio limitando al minimo i reclami dei clienti, offrire sempre prodotti e servizi in grado di soddisfare o superare regolarmente le aspettative dei clienti. Con la sua vasta gamma di funzioni grafiche e statistiche, JMP è dotato di tutti gli strumenti necessari per occupare un ruolo centrale nel vostro programma di qualità.

L'applicazione permette di monitorare i processi attraverso una serie completa di tipologie di carte di controllo integrate in JMP, nonché di costruire interattivamente carte di controllo con metodi a trascinamento e rilascio nell'esclusivo Costruttore di carte di controllo. Questo strumento presenta un flusso di lavoro simile a quello del Costruttore di grafici e consente l'esecuzione di analisi what-if con i dati relativi al processo, nonché l'esplorazione di numerose variabili di fase e di gruppi secondari, così come dei loro effetti sui processi. Otterrete un livello di visibilità dei problemi altrimenti impossibile con le tradizionali carte di controllo statiche.

La piattaforma Analisi dei sistemi di misura supporta diversi metodi di analisi, inclusa la valutazione del processo di misura di Donald J. Wheeler (EMP). Tra le altre funzioni di analisi qualitativa rientrano soluzioni per l'esecuzione di valutazioni della ripetibilità e riproducibilità (Gauge R&R) e la creazione di grafici di Pareto. È possibile visualizzare facilmente le fonti di variabilità nel processo di misurazione, ma anche valutare i difetti dei prodotti e monitorare la stabilità dei processi. JMP permette inoltre di analizzare le condizioni fuori controllo ed eseguire analisi delle cause principali.

Ricerche sui consumatori e ricerche di mercato

A prescindere dal vostro ruolo nel processo, il marketing è un settore complesso e in rapidissima evoluzione sotto la spinta delle tecnologie digitali. Eppure vi sono problematiche aziendali di primaria importanza da risolvere: individuare le opportunità di crescita più redditizie, sviluppare prodotti e servizi di qualità impeccabile, intraprendere azioni di marketing efficaci e massimizzare l'impatto trasversale sull'azienda. Per rimanere competitivi occorre dare una dimensione sociale al marchio, tenere conto del feedback del cliente e adattare di conseguenza i prodotti e i servizi offerti. Ideale per ricerche esplorative, descrittive o causali con fonti primarie o secondarie, JMP offre un repertorio completo di strumenti per trarre preziose informazioni da dati quantitativi, metrici e non, in modo semplice e veloce.

Tra le funzioni per l'esecuzione di ricerche di mercato offerte da JMP vi sono:
  • moderne tecniche di data mining per la costruzione di modelli predittivi di dati transazionali;
  • analisi di dati categorici (sondaggi);
  • conteggio parole in porzioni di testo libero; conversione in colonne per utilizzare i resoconti come predittori nei problemi di classificazione;
  • capacità di importare dati in numerosi formati di file esterni, inclusi SPSS e Triple-S;
  • analisi con un clic di risposte semplici, correlate, multiple e strutturate provenienti da sondaggi;
  • esperimenti di scelta per ottimizzare la concezione dei prodotti sulla base del feedback dei clienti;
  • analisi fattoriale;
  • segmentazione e clusterizzazione (gerarchica e k medie);
  • analisi delle corrispondenze multiple.

Indipendentemente dall'esperienza dell'operatore con l'analisi statistica, JMP consente di inquadrare i consumatori e comunicarne rapidamente le informazioni ai soggetti interessati contribuendo a livello decisionale ed esecutivo.

Condivisione dei risultati

Una volta completate tutte le analisi avanzate, in molti casi l'utilizzo di strumenti di base per l'analisi visiva costituisce la soluzione migliore per comunicare i risultati e motivare le azioni. L'interattività di JMP mette a disposizione gli strumenti per condividere il significato contenuto nei grafici, oltre ai grafici stessi, così da poter comunicare in modo chiaro anche i risultati più complicati.

Il Profiler, ad esempio, permette di condividere il significato contenuto nei modelli in modo immediatamente interpretabile e fruibile. Chi visualizza i grafici realizzati con JMP coglie le informazioni contenute nei dati ed è in condizione di porre domande e approfondire le scoperte e i modelli. Il valore dei dati è facilmente visibile e consente di prendere le decisioni migliori per la propria organizzazione.

Per comunicare le informazioni raccolte al di fuori di JMP, esistono opzioni altrettanto variegate. Le visualizzazioni JMP possono essere condivise ed esplorate in mobilità grazie al Costruttore di grafici per iPad®. È possibile generare presentazioni PowerPoint con un unico clic o generare risultati interattivi per numerosi report JMP che possono essere visualizzati rapidamente su qualsiasi dispositivo con un browser. Inoltre, JMP permette di creare grafici per presentazioni o pubblicazioni in numerosi formati di file.

I dashboard rappresentano un modo facile e veloce per visualizzare i risultati. È inoltre possibile utilizzare la funzionalità Costruttore di dashboard che consente di riunire con un semplice clic i report JMP in un dashboard pronto per la presentazione. Con un semplice clic, rivelate rapidamente i filtri della selezione per utilizzare un grafico allo scopo di filtrarne un secondo.

Automazione e scripting

Condividete idee, script e componenti aggiuntivi sulla community degli utenti di JMP

Un software che non permette di andare oltre le esigenze iniziali risulterà obsoleto molto prima del previsto, comportando costosi interventi di sostituzione. JMP offre numerose soluzioni di personalizzazione (di base e avanzate) ed estensione del software, in modo da tenere il passo con le sfide più disparate che si presentano man mano che le esigenze crescono e l'organizzazione evolve.

Il ricco linguaggio di scripting di JMP, denominato JMP Scripting Language (JSL), permette di lavorare in modo interattivo e di salvare i risultati per poterli riutilizzare. Gli utenti più esperti possono sviluppare nuove funzionalità per risolvere quei problemi che non rientrano nell'ambito di applicazione delle funzionalità di base di JMP. Con gli script personalizzati è addirittura possibile integrare funzionalità provenienti da altre applicazioni, tra cui SAS®, MATLAB and R.

Con gli strumenti di automazione e scripting di JMP è inoltre possibile:
  • salvare script per rigenerare report di analisi senza bisogno di scrivere codici;
  • utilizzare gli script salvati in una tabella di dati per garantirne la riproducibilità; salvare i passaggi dell'analisi per consultazione oppure per illustrare a terzi il flusso di lavoro;
  • sviluppare attività completamente nuove con JMP. Il linguaggio e gli strumenti di scripting di JMP permettono di raggiungere anche i risultati più insperati.

Ogni singola riga di codice degli script generati potrà essere convalidata in modo completamente interattivo attraverso il debugger JSL avanzato, esaminando le variabili per individuare eventuali elementi che impediscono allo script di eseguire la funzione desiderata. Il JSL Profiler permette di affinare le prestazioni degli script e ottimizzare iterativamente il codice per raggiungere la massima efficienza e velocità.

Opzioni di personalizzazione di JMP®

Raggiungere elevati livelli di produttività è molto più semplice se il software può essere configurato per rispondere esattamente a esigenze di elaborazione specifiche. Impostazioni coerenti, risultati in formato grafico e tavolozze dei colori sono strumenti in grado di accelerare significativamente l'interpretazione dei dati. JMP offre una gamma completa di preferenze che consentono di personalizzare caratteri, opzioni di creazione dei grafici e impostazioni dettagliate all'interno delle piattaforme ed esegue le analisi secondo le vostre preferenze. È possibile scegliere di visualizzare solo gli strumenti analitici e i menu utilizzati abitualmente. È infatti possibile personalizzare ogni aspetto di JMP, tra cui:

  • impostazioni degli assi, stili, grafici e colori;
  • elementi statistici e grafici presentati in un report JMP;
  • impostazioni predefinite per importare rapidamente i nuovi dati in un formato immediatamente fruibile;
  • un ambiente personalizzato per lo scripting e lo sviluppo delle applicazioni.

Hub analitico: integrazione con SAS®, MATLAB e R

JMP, parte integrante della famiglia di prodotti SAS, offre un'interfaccia semplice ed efficace per beneficiare delle esclusive funzionalità di SAS. Gli strumenti di analisi avanzata, reporting e gestione dati di SAS estendono le funzionalità del software JMP per desktop al server e oltre. JMP può essere utilizzato anche in combinazione con altri strumenti di analisi, inclusa un'interfaccia con tutte le funzionalità di MATLAB, un'interfaccia di chiamata delle DLL e la ricca serie di librerie specializzate in R. JMP facilita l'accesso a queste risorse, restituendo risultati significativi in termini di esplorazione e analisi dinamica dei dati. È anche possibile adottare un algoritmo o una funzione nel flusso di lavoro di JMP, in modo da integrarvi perfettamente le funzioni di SAS, MATLAB o R.

I vostri dati risiedono in fogli di calcolo? Con il componente aggiuntivo JMP per Microsoft Excel, potrete eseguire facilmente la migrazione dei vostri dati da Excel a JMP oppure implementare le funzionalità del Profiler di JMP nei vostri modelli per fogli di calcolo, ottimizzando la fruibilità dei dati con i vantaggi degli strumenti di visualizzazione di JMP.

Requisiti di sistema

JMP è eseguibile su sistemi operativi Microsoft Windows e Mac OS. Supporta sistemi a 32 e a 64 bit.

Back to Top